Sicilia: religiosità “di-vino”

Mimmo Bonetta e Calogero La Vecchia

Abbiamo trascurato la Sicilia.Ilnostro evidente desiderio è stato quello di uscire dalla nostra madre terra, che conosciamo abbastanza, per conoscere le altre realtà. Non possiamo però non gioire con orgoglio del successo che i vini siciliani hanno riscosso alla presente edizione del Vinitaly. Abbiamo registrato un interesse diffuso verso i vini dell’Etna. Spesse volte quando dichiaravamo la nostra provenienza ci segnalavano le realtà produttive del vulcano. Un grande e meritato successo per diverse cantine isolane. Ci emoziona parlare del meritato successo di Aynat, nobile nero d’Avola della Viticultori associati della nostra Canicattì. Questa nostra Cantina dimostra anno dopo anno una pronta e continua crescita che va di pari passo con la moderna realtà enologica. Si lavora sodo e con grande sacrificio (www.viticultoriassociati.it ). Incontriamo Mimmo Bonetta, un caro amico, che ci invita allo stand della sua cantina. Ci siamo riproposti più volte di andare a visitare l’azienda della sua famiglia ma è quasi normale che le cose che hai sotto il naso le rimandi sempre e così dovevamo parlarne proprio al Vinitaly… Baglio del Cristo nasce da pochi anni a Campobello di Licata e la famiglia Bonetta ci mette anima e corpo dentro. Una azienda giovane che nasce già radicata nella storia. Mimmo ci racconta la storia del baglio che fu teatro di una promessa al Cristo miracoloso (da cui il nome) tanto che ogni anno proprio al Baglio si perpetua una processione religiosa. Mimmo si emoziona a parlare della sua azienda, della conquista tecnologica sposata con le produzioni aziendali… Sono vere le sue lacrime quando parla della sua famiglia come vero è lo spirito che alimenta la sua passione… I vini sembrano scavati dalla terra madre e portati alla luce del sole più accecante che si riflette nei cristalli di gesso che affiorano nelle terre dell’azienda. Assaporiamo Adenzia da uve grillo e chardonnay dal bouquet floreale con note di zagara e dal gusto fresco e piacevolmente sapido frutto di una attentissima e modernissima tecnica vinificatoria. Lu Patri, un Nero d’Avola in purezza, ti sorprende non solo per il buon corpo ma per l’avvolgente armonia al palato La grande struttura, sapientemente affinata in legno di rovere, ti rimane lungamente in bocca con quelle note minerali particolari che integrano ed esaltano la giusta tannicità. Da quest’anno l’azienda fornisce le cantine del Vaticano: un prestigio che sembra quasi una conseguenza naturale… (www.cristodicampobello.it).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: