Puglia terra di rosati

Duccio Armenio

Uno degli obiettivi della nostra visita al Vinitaly erano i rosati di Puglia. Il rosato da tempo è stato bistrattato, ritenuto quasi un sottoprodotto enologico forse per alcune pratiche scellerate che il mondo della produzione ha perpetrato. Il rosato è qui. La storia di certo non si inventa. E il Five roses della storica azienda Leone De Castris dal 1943 produce ed esporta uno dei rosati più famosi al mondo. Ci tuffiamo allo stand della regione Campania dove dei bravi sommeliers  ci propongono alcune “perle” della enologia pugliese e su nostra richiesta una selezione di rosati. Tra tutti segnaliamo il “Settantacinque” un rosato proveniente da una vinificazione in bianco dal vitigno Montepulciano e prodotto per soffice e lenta sgrondatura delle uve. Settantacinque sta ad indicare la celebrazione dei 75 anni della Antica Cantina Sociale Cooperativa di San Severo dalla sua nascita alla produzione di questo rosato (1933 – 2008). Un vino da incorniciare: un bouquet fruttato intenso di pesca e frutta tropicale con sentori floreali si sposa perfettamente con il colore rosa tenue e ci restituisce quel fascino e quel carattere che solo i grandi vini sanno dare ( www.anticacantina.it) . Abbiamo quindi l’opportunità di seguire un laboratorio con degustazione guidata dal titolo “I rosati di puglia: tra tecnica e tradizione”. Il laboratorio è stato organizzato da Slow Food Puglia e condotto magistralmente da Duccio Armenio che in un viaggio sensoriale ricco di emozione propone cinque splendidi rosati in abbinamento con salumi e formaggi tipici (www.slowfoodpuglia.it ). La ricca realtà pugliese che va dal Salento al Gargano è una fonte di diversità che proprio nei rosati raggiunge livelli davvero disarmanti e affascinanti. Duccio Armenio e i relatori al tavolo riescono ad affascinare tutti: il tempo al laboratorio di Slow Food passa così velocemente che non ce ne accorgiamo… Francesco Muci, coordinatore assieme a Duccio Armenio della Slowine, richiama l’attenzione verso le produzioni di qualità, verso quei prodotti che tracciano la via della cultura enogastronomica Pugliese. Il discorso appassionato diventa pura emozione nelle parole di Antonio Muci. Il suo discorso entra dentro il cuore di chi ascolta dopo avere attraversato la storia millenaria della terra di Puglia… Questa è la più bella promozione della terra di Puglia e dei prodotti che da essa vengono messi alla luce…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: