La dott.ssa Mariangela Gibilaro tra Gerlando Montana Lampo e Calogero La Vecchia

La dott.ssa Mariangela Gibilaro tra Gerlando Montana Lampo e Calogero La Vecchia

L’Accademia Enogastronomica “HIC!” ha celebrato il XVIII Convivium, presso la tenuta del socio realiter arch. Antonio Tiranno, che ha avuto la seguente tematica: Miele: cibum deorum.

Quella dell’Accademia Hic! è una convivialità che ormai esiste da oltre 12 anni e che cerca di dare il proprio umile contributo alla divulgazione della cultura enogastronomica legata al territorio.

All’inizio della seduta, come di consueto, il Convivio ha eletto come Presidente la dott.ssa Mariangela Gibilaro che ha ricevuto le insegne da Gerlando Montana Lampo, delegato dal Presidente uscente Giuseppe Paci assente alla seduta.

Il Magister Cerimoniae, dott. agr. Calogero La Vecchia ha proposto ai conviviali un percorso sensoriale che ha giustamente esaltato questa “Ambrosia degli dei”. “Il miele rappresenta un prodotto davvero unico che però non è adeguatamente conosciuto”, afferma il Magister Cerimoniae, “frutto dell’instancabile lavoro delle api si presenta diversificato poiché diverso è il nettare d’origine”.

Il percorso sensoriale ha previsto l’assaggio guidato di ben otto tipologie di miele: si è partiti dal profumato miele di zagara per poi passare al “nobile” e raro miel di nespolo, a quello di castagno, di erba medica, di carrubo, per arrivare a quello particolarissimo e molto amaro miele di corbezzolo a quello non comune di ammi visnaga e per finire con il miele da nettare di ciliegio.

Dopo l’assaggio sono stati proposti abbinamenti miele – cibo – vino che sono stati molto apprezzati dai presenti.

Annunci